E’ la festa più colorata del mondo, l’occasione per dare libero sfogo alla fantasia con maschere, travestimenti e trucchi: il Carnevale è da sempre l’appuntamento più atteso da grandi e piccini.

Culla di questa ricorrenza è Venezia con le sue manifestazioni eleganti e goliardiche al tempo stesso che attirano da anni turisti provenienti da tutto il mondo.

 

Gli appuntamenti mondani non si fanno mancare all’interno degli storici palazzi della laguna frequentati dal jet set internazionale. Grace Kelly, indimenticabile Principessa di Monaco, amava volteggiare tra i saloni veneziani in maschere originali e abiti sontuosi illuminando la città con la sua incredibile bellezza. Ed è proprio nel capoluogo veneto che la Direzione del Turismo del Principato di Monaco, in collaborazione con il Consolato onorario di Monaco a Venezia, ha scelto di festeggiare un particolare carnevale “alla monegasca”.

 

Nella splendida cornice di Palazzo Pisani Moretta, si è stati catapultati in un “sogno ad occhi aperti” che ha evocato l’allure magico di Monaco con i suoi scorci fioriti, gli hotel lussuosi, i ristoranti stellati e la vista mozzafiato sul Mediterraneo. Gli abiti, creati appositamente dall’Atelier Nicolao, hanno contribuito a rendere questo sogno realtà e a ricreare l’atmosfera regale dei balli monegaschi.

 

Monaco è anche un punto di riferimento della gastronomia provenzale grazie ai numerosi piatti tipici che la rendono la destinazione più gettonata della Costa Azzurra per gli amanti della buona cucina.

Il Direttore del Turismo di Monaco Guillaume Rose e il Console Onorario del Principato di Monaco Anna Licia Balzan hanno celebrato con un esclusivo lunch  le specialità culinarie del territorio monegasco.

 

All’interno della Sala della Musica dell’Hotel Cà Sagredo, Alessandro Surano, sous chef dell’Horizon, prestigioso ristorante del Fairmont Monte-Carlo, e Davide Fanti, resident chef di Cà Sagredo, hanno deliziato gli ospiti con un menù gourmet a quattro mani. Si è cominciato con un entrée dove il Barbajuan è stato il vero protagonista: questo sfizioso antipasto, nato dall'esigenza di un tempo di riutilizzare i ritagli della pasta avanzata dalla preparazione di rustici e torte salate, significa “zio John” in dialetto monegasco e consiste in un friabile impasto fritto che avvolge un gustoso ripieno a base di verdura.

Il menù è proseguito con un delicato Branzino in crosta di Pissaladière, pizza rustica a base di cipolle acciughe e olive nere, fino alla celebre Fougasse monegasca, tipico dolce dall’aroma d’arancia con nocciole, mandorle e semi d’anice i cui colori richiamano la bandiera del Principato.

 

Un’occasione di autentica convivialità per scoprire i segreti del Principato di Monaco e, perché no, lasciarsi travolgere dal fascino senza tempo di questa lussuosa località nel cuore della Costa Azzurra.