Uno sguardo inedito su una donna che ha fatto della ricerca del bello e delle emozioni una vocazione professionale

Si chiama Sylvie Michel e il suo lavoro è più bello del mondo. “Scegli un lavoro che ami, e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita” diceva Confucio. E’ sicuramente questa la prima cosa che viene in mente incontrando questa energica signora francese, che conversa disinvoltamente in diverse lingue e si muove con destrezza in ogni contesto sociale.

Il suo settore è il turismo e la sua abilità consiste nel ricercare destinazioni capaci di suscitare emozioni.

Luoghi del cuore, piccoli angoli di mondo che si rivelano solo a chi è disposto a scoprirli viaggiando lungo le rotte del mondo.

E’ davvero una bella scoperta Sylvie, una donna e una professionista dalla mente aperta, in continua evoluzione sempre tesa a nuovi progetti e collaborazioni trasversali. Un artista che si muove con garbo ed eleganza tessendo collaborazioni internazionali a vari livelli nel settore dell’accoglienza.

Conversando con lei si intuisce immediatamente che, al di là dell’aria effervescente e creativa, c’è una professionalità forte che comprende talenti e qualità etiche come serietà e trasparenza senza tralasciare l’applicazione di metodi di lavoro codificati.

Sylvie fa capire che in questo settore ciò che conta non sono solo i numeri che si generano ma la capacità di saper scegliere il cliente giusto al quale rivolgersi creando un prodotto al pari di un abito su misura.

In questo consiste il lavoro di Sylvie, nel ricercare luoghi particolari capaci di suscitare emozioni e farli conoscere al mondo attraverso una comunicazione efficace.

In questo campo, racconta Sylvie, l’esperienza e la capacità di creare delle relazioni sono fondamentali e soprattutto sono doti che non si improvvisano ma si imparano sul campo.

La chiave del successo sta nella capacità di comunicare.

Nell’antica Grecia esisteva una figura chiamata prosseneta che si occupava di creare contatti a vantaggio dell’ospite straniero. Un ambasciatore per il tempo, quello che chiameremo un promoter nel campo delle pubbliche relazioni oggi.

Il successo, adesso come allora, risiede nella capacità di comunicare.

In un settore come quello del lusso, che considera la comunicazio.             ne un mezzo e non un fine, trasmettere l’identità e la filosofia di un brand, evidenziandone l’esclusività e la particolarità, diventa essenziale.

L'obiettivo in questo lavoro, racconta Sylvie, non consiste nel portare il cliente finale all’hotel o altro luogo, ma nel cercare di creare un’attrattiva forte e catalizzante per quella destinazione.

Uno strumento tra i più efficaci è la comunicazione con i media e la visibilità che ne deriva. Ma non solo. La comunicazione si deve basare anche sulla ricerca dei cosiddetti “influencer”, giornalisti o blogger capaci di spostare il gusto dei consumatori.

Il compito dell’influencer è molto complesso, perché non si tratta solo di suggerire o guidare una persona verso l’acquisto di un prodotto o una destinazione, ma di creare una fitta rete di relazioni ed emozioni che accompagnano il consumatore da prima a dopo la sua esperienza con il brand. In una sola parola, lo fidelizza.

Il percorso che può portare al successo o all’insuccesso di un’iniziativa sta dunque nella capacità di costruire queste relazioni fondamentali. La conoscenza personale con ognuno di essi è fondamentale, racconta Sylvie, e il lavoro inizia proprio dalla cura e dall’attenzione con ogni contatto in particolare con la stampa estera (europea, russa, americana, brasiliana e ora cinese indiana e coreana). In queste relazioni e nella capacità di creare nuovi progetti, risiede il vero talento di chi fa questo lavoro, racconta Sylvie.

 

La variabile dominante: l’esperienza

Il suo portafoglio clienti anticipa la sua straordinaria vitalità e capacità nel mondo della comunicazione.

Venticinque anni a capo di un’agenzia specializzata nelle relazioni internazionali con la stampa nel settore degli hotel di lusso, della gastronomica e del benessere (Media Hotel International), un portafoglio clienti di grande prestigio che ha contribuito alla sua notorietà nel settore. Molti i brand di successo, tra cui Historic Hotels of Europe (la rete che raccoglie i migliori alberghi che operano in edifici storici in Europa), Relais & Châteaux (una esclusiva collezione di oltre 500 dei migliori hotel di charme e ristoranti gourmet in 60 paesi del mondo), Romantik Hotels, Small Luxury Hotels of the World.

Oltre a questi si aggiungono hotel indipendenti collocati nelle più esclusive località turistiche della Costa Azzurra come Cap d'Antibes, della Svizzera con Saint Moritz, della Grecia, passando per la Florida, la Polinesia, l’Oman per citare solo i più importanti.

Tra i suoi clienti il favoloso Hotel Du Palais a Biarritz, l’Hotel Napoleon a Parigi, un lussuoso 5 stelle appena inaugurato sugli Champs Elysees e numerosi ristoranti griffati internazionali.

 

 

Contatti:

www.media-hotels.eu/