ARTE E GIARDINI AL DOMAINE NAZIONALE DI CHAMBORD Nata dal sogno di Francesco I, re di Francia, che porta dalle sue battaglie in Italia numerosi artisti, tra cui Leonardo da Vinci, il Castello di Chambord segna l’inizio del Rinascimento francese. Immerso nel cuore di una foresta delle dimensioni di Parigi intra-muros, il Castello emerge dal marais della Sologne. Nella primavera 2017, il sito ritrova i suoi giardini alla francese. Immaginati sotto Luigi XIV, con un disegno realizzato nel 1734, i giardini sono esistiti per più di due secoli prima di sparire a poco a poco nel periodo tra le due guerre. Occupano sei ettari e mezzo, ai piedi della facciata nord del castello. Era più di 20 anni che la Francia non realizzava un progetto di restauro di giardini di queste dimensioni, con oltre 600 alberi, 800 arbusti, 200 rose, 15.250 piante che delimitano i confini del giardino, e ancora 18,874 m² di prato. Transizione vegetale tra il castello e la foresta, i giardini restituiscono alla facciata d’onore del castello tutta la sua maestosità. Nel 2017, il Centre Pompidou festeggia i suoi 40 anni in tutta la Francia. Per condividere questa festa con il più vasto pubblico, si è associato con 40 luoghi speciali, tra cui il Domaine national de Chambord, per un programma inedito di mostre, prestiti eccezionali, manifestazioni ed eventi. Il sito propone inoltre dal 18 giugno una mostra dedicata a Georges Pompidou, e in particolare al suo impegno per l’arte del suo tempo. Saranno esposti diversi artisti, che sono stati legati in qualche modo a Georges Pompidou, come Vieira da Silva, Giacometti, Kandinsky, Klein, Soulages o Vasarely... Mostra dal 18 giugno al 19 Novembre 2017. PER SAPERNE DI PIÙ: WWW.CHAMBORD.ORG